ALBERTO-GARCÍA ALIX: LA LÍNEA DE SOMBRA

Alberto García-Alix: la linea d’ombra

di Nicolás Combarro
Spagna 2018 – 82 min

con Alberto García-Alix

 

#Fotografia #MovidaMadrilena #Underground #Arte

Festival di Guadalajara 2018:
Miglior Documentario

Cinespagna Toulouse 2018:
Miglior Documentario

Sinossi breve:

Ammaliante esordio di Nicolás Combarro, con la collaborazione di Miguel Ángel Delgado, che mette a nudo le origini e i processi creativi di Alberto García-Alix, uno dei più importanti fotografi del panorama artistico europeo. Testimone e catalizzatore della nascita della Movida madrilena, Garcia-Alix, come dissero i critici “è a tutti gli effetti per la fotografia ciò che Pedro Almodóvar è per il cinema”.

Autodidatta geniale, così lo stesso Alix racconta il proprio debutto: “Amavo una donna, avrei fatto qualsiasi cosa per lei. Le dissi che ero fotografo e lei mi ha creduto. Poi lei mi disse che c’era bisogno di soldi per mangiare. Allora presi i rullini ed entrai in laboratorio. Guardavo e pensavo, Amerò questo lavoro? Mi piace o non mi piace? La fotografia fin da subito mi ha obbligato ad una riflessione”. Primo premio all’ultimo Festival di Guadalajara, per le luci di Alix e le sue ombre.

 

Intervista al regista Nicolás Combarro

García-Alix comincia il documentario affermando che c’è sempre qualcosa che il fotografo non riesce a catturare. C’è qualcosa che non è riuscito a catturare in questo film?
Nicolás Combarro: Sì, perché non c’era spazio: è più quello che lasci fuori che quello che alla fine metti dentro. Ma dell’idea di partenza siamo riusciti a concentrare una parte significativa, sia dell’opera che del processo vitale di Alberto: mi interessava molto insistere su quello. Sono contento di quello che siamo riusciti a catturare, anche se rimangono sempre cose fuori.

Il documentario è un genere molto vivo, oltre alla sceneggiatura iniziale, poi la realtà ti porta su strade inaspettate. Quanto è cambiato rispetto all’idea iniziale, o il risultato vi si avvicina molto?
Si avvicina molto al concetto originale, però è vero che nello sviluppo succede quello che succede, ma avevo un’idea molto chiara della storia che volevo raccontare, che è quella di Alberto: non mi sono inventato nulla, è quasi un’autobiografía. Però mi sono chiesto: quale parte della storia mi interessa? Come condurre la conversazione per arrivare a quei punti? E come accompagnarla con l’opera? In sostanza, nel documentario c’è l’idea iniziale.

E perché girare in bianco e nero (come sono le foto che fa Alberto) e usare la sua voce off?
C’è un dialogo costante con Alberto: l’assenza di colore con cui lavora, la qualità delle immagini anch’esse molto curate, la differenza è che l’immagine sua è molto più costruita e la nostra più nuda, lasciamo fluire l’immagine, anche se controllo di più la narrazione. Ci sono differenze e coincidenze. E la sua voce ci conduce attraverso il documentario: per me non c’era altro modo per farlo, che fosse lui a raccontarci la sua storia.

Oltre ai suoi soggetti fotografici (droghe, moto, rock…), c’è un salto importante a Valparaíso, dove García-Alix sta realizzando un progetto: perché proprio quello?
Volevamo ritrarre Alberto in un lavoro attuale, non volevamo forzare una situazione in modo artificiale per il documentario, così abbiamo deciso di accompagnarlo nel suo secondo viaggio in Cile e ci ha regalato un’esperienza incredibile: ha un magnete per le persone e le situazioni uniche.

Che cosa distingue García-Alix dagli altri artisti?
Come dice bene, Alberto trascende i formati: fotografa, scrive, fa video e cinema, come un artista multidisciplinare. E poi la profondità che ha, che oggi è più difficile da osservare nell’arte: c’è una profondità nel discorso e una sincerità nello sguardo che mi paiono uniche. Fanno parte di un modo di intendere l’arte e la vita. Dice molto la frase: “Un modo di guardare è un modo di essere”.

 

Alfonso Rivera per Cineuropa