MUERTE DE UN CICLISTA

Morte di un ciclista – Gli egoisti

Regia e sceneggiatura di Juan Antonio Bardem
Spagna/Italia 1955 – 88 min

con Lucia Bosé, Alberto Closas, Bruno Corrà, Carlos Casaravilla, Otello Toso, Alicia Romay

Cannes 1955:
Premio della critica (FIPRESCI)

María José è sposata con Miguel de Castro ma è l’amante di Juan Fernández Soler, un professore universitario. Un giorno dopo uno dei loro incontri investono con l’auto un ciclista, per nascondere la loro relazione decidono comunque di fuggire senza prestare soccorso.

Il film ottenne al festival di Cannes del 1955 il premio FIPRESCI della critica internazionale ma nonostante la qualità sia tecnica che artistica fu considerato pericoloso dalla censura franchista.