COMPETENCIA OFICIAL

Concorso ufficiale

REGIA
Mariano Cohn e Gastón Duprat

CON
Penélope Cruz, Antonio Banderas, Oscar Martínez, José Luis Gómez, Nagore Aranburu, Irene Escolar, Manolo Solo, Pilar Castro, Koldo Olabarri

ANNO
2021

NAZIONALITÀ
Spagna, Argentina

DURATA
114 min.

Condividi su...

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

COMPETENCIA OFICIAL

Concorso ufficiale

Alla ricerca di riconoscimento e prestigio sociale, un uomo d’affari miliardario decide di fare un film che lasci il segno. Per riuscirci, assume i migliori: un cast stellare formato dalla famosa regista Lola Cuevas e da due rinomati attori, entrambi di enorme talento, ma con un ego ancora più grande: Félix Rivero, attore hollywoodiano, e Iván Torres, illustre interprete del teatro radicale. Entrambi delle leggende, ma non proprio in buoni rapporti. Attraverso una serie di sfide sempre più eccentriche lanciate da Lola, Felix e Iván devono confrontarsi non solo l’un l’altro, ma anche con il loro lascito artistico.

Latinoamericana //

Dopo il brillante e intelligente Il cittadino illustre, sul mondo della letteratura, i due filmmaker argentini prendono la mira direttamente sul mondo del cinema, armati di bisturi e senza guanti. Si comincia con un’esilarante sessione di lettura del copione, perfetta introduzione ai caratteri dei personaggi principali: abbronzato, volgarotto, apparentemente vanesio il Félix di Antonio Banderas, che flirta con Hollywood e innamora ogni minuto una femmina diversa; intellettualoide, moralista, cultore della parola anziché dell’immagine, l’Ivàn Torres di Oscar Martinez, vecchia gloria del teatro (il sipario è spesso lo sfondo delle inquadrature che lo riguardano) oggi convertitosi alla pratica frustrante ma necessaria della trasmissione del suo sapere artistico tramite l’insegnamento. Ivàn e Félix non si stimano e non si sopportano, ma hanno una cosa in comune: si prendono entrambi esageratamente sul serio. Il loro ego è senza fine. Ammezzerebbero per primeggiare. La ciliegina sulla torta? Lola, la regista, non è da meno: per tirar fuori dai suoi due modelli la performance migliore che sono in grado di offrire è disposta a tutto, e li provoca e li manipola in ogni modo, gettando benzina sul fuoco della loro già incendiaria rivalità.

I livelli si sovrappongono e confondono, realtà e finzione del mestiere dell’attore si mescolano in un esercizio di stile e di virtuosismo, ed è subito spettacolo nello spettacolo (sullo spettacolo): si resterebbe all’infinito a guardare il trio Cruz-Banderas-Martinez recitare la parte di chi recita una parte, e intanto a sentirli parlare d’arte, se in maniera seria o buffonesca, se con snobismo o sincerità, non è dato distinguere: tutto è vero e tutto è falso, è la regola del gioco. Ma il film è anche tutto qui, in quest’unica idea, potenzialmente infinita, appunto, ma sempre uguale a se stessa.

(MyMovies)

altri film

error: Il contenuto è protetto

tappe

film

registi

partner