El cochecito

La carrozzina

REGIA
Marco Ferreri

CON
José Isbert, Pedro Porcel, José Luis López Vázquez, María Luisa Ponte, Antonio Gavilán, Chus Lampreave, Carlos Saura

ANNO
1960

NAZIONALITÀ
Spagna/Italia

DURATA
90 min.

PREMI

  • Premio Fipresci alla Mostra del cinema di Venezia (1960).

Condividi su...

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

El cochecito

La carrozzina

Come recitava il trailer originale “Don Anselmo solo quería un cochecito para estar con sus amigos”: Don Anselmo solo desidera una carrozzina a motore per poter stare coi suoi amici... Con tenacia infantile, nonostante l'opposizione dei familiari, il nostro riesce ad ottenerla, e pur di conservarla è disposto a tutto… Il film venne colpito dalla censura. La versione in italiano è quella che Ferreri e Azcona avevano pensato.

Clásicos //

Per godere della compagnia degli amici superstiti, tutti paralitici, l’ottantenne don Anselmo chiede ai familiari una carrozzella a motore. Gliela negano, lui li avvelena. 3° e ultimo film spagnolo di M. Ferreri. Apologo crudele e grottesco sulla vecchiaia e l’ipocrisia dei rapporti familiari borghesi. È anche un ritratto impietoso della Spagna franchista.

(il Morandini)

 

Marco Ferreri affila i suoi artigli e con disarmante leggerezza si scaglia contro la fragile ed ipocrita facciata di una borghesia attenta solamente a rifarsi il trucco. Un Ferreri che ricorda in certi frangenti il Bunuel del periodo messicano seppur senza alcuna allusione alla sfera sessuale.

I protagonisti di questa (tragi)commedia nerissima, sono un vecchietto apparentemente innocuo, Don Anselmo, e il suo gruppo di invalidi armati di carrozzelle a motore. Don Anselmo si sente vivo e felice sono in loro compagnia. Per essere accettato completamente dal gruppo, deve, però, essere come loro o quantomeno sembrare tale. Se non può diventare paralitico, deve allora munirsi anch’egli di un cochecito a motore a tutti i costi; contro ogni pregiudizio… contro ogni ostacolo famigliare e non. Poco alla volta questo suo (non tanto) oscuro oggetto del desiderio si trasforma in una furente ossessione pronta a scagliarsi contro qualsiasi cosa gli si interponga davanti.

La bonarietà va a braccetto con la follia in un vortice mirabolante di caustica ironia. Don Anselmo può finalmente mettere in atto la sua rivoluzione in carrozzella.

Irridente e ferocemente grottesco, Ferreri libera la “sana” follia in una società sottosopra, in cui anche i discriminati si mettono a discriminare.

altri film

tappe

film

registi

partner