El horfanato

L'orfanotrofio

REGIA
J.A. Bayona

CON
Belén Rueda, Fernando Cayo, Roger Príncep, Mabel Rivera, Montserrat Carulla

ANNO
2007

NAZIONALITÀ
Spagna / Messico

DURATA
100 min.

Condividi su...

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

El horfanato

L'orfanotrofio

Laura ha acquistato con il marito il vecchio orfanotrofio in cui è cresciuta per trasformarlo in un accogliente istituto per bambini bisognosi di cure, come Simon, malato di HIV, che ha adottato e che non ha molto da vivere. Il ragazzino, solitario e introverso, si è creato degli amici immaginari con i quali gioca e che terrorizzano Laura perché lasciano segni e impronte fin troppo reali. Durante la festa d'inaugurazione dell'istituto Simon scompare. Le ricerche dei genitori aiutati poi anche dalla polizia sono vane. Sergio G. Sanchez scrive, Guillermo Del Toro produce e affida la regia - con successo: 25 milioni di euro e 7 Goya (gli Oscar spagnoli) - all'esordiente Bayona che supera i limiti di un horror d'atmosfera. Come? Preferendo l'indagine psicologica, il dolore, l'analisi degli affetti rubati e delle ferite ancora aperte. Ottima interpretazione della Rueda, volto interessante, segnato e preservato da scempi di chirurgia estetica o botulino. Inquietante la presenza della scheletrica Chaplin.

La Nueva Ola //

Dei bambini stanno giocando. Sono gli ospiti di un orfanotrofio e una di loro, Laura, sta per andarsene perché adottata. Divenuta adulta Laura torna in quel luogo con il marito Carlos. Vuole farlo divenire un istituto accogliente per bambini bisognosi di cure come Simon, il piccolo che ha adottato. Il bambino è affetto dall’HIV e non gli resta molto da vivere. Simon ha degli amici immaginari che però lasciano anche impronte sul terreno. Laura cerca di assecondarlo ma non riesce a togliersi di dosso la paura. Finché un giorno giunge un’anziana assistente sociale che consegna un dossier sul piccolo. La stessa donna sarà sorpresa una notte ad aggirarsi nei pressi del magazzino degli attrezzi. Qualche tempo dopo Simon, che ha scoperto la malattia di cui è affetto, scompare nel corso di una festa. Laura precipita nell’abisso dell’angoscia.
Guillermo del Toro mette il suo sigillo produttivo sull’opera prima di Juan Antonio Bayona offrendogli una patente di qualità che ne ha consentito l’inserimento tra i 6 film che hanno ottenuto la nomination per gli European Awards 2008. The Orphanage è un’opera che può dividere il pubblico in estimatori e detrattori. Partiamo da quest’ultimi. Chi è appassionato del genere ha già visto in più occasioni vicende in cui il passato fa ritorno e bambini che si vogliono vendicare di chi ha tolto loro la vita si ripresentano per attrarre i vivi nel loro mondo. Anche questa tipologia di spettatori però, insieme a chi non frequenta l’horror, non potrà negare che lo stile che Bayona imprime al film è estremamente raffinato. Grazie soprattutto a un’interpretazione magistrale di Belén Rueda che ricordiamo in ruoli molto diversi da questo in Mare dentro e, più di recente, in Savage Grace. L’attrice riesce a trasformare quello che potrebbe essere un banale soggetto su ‘morti che ritornano’ in un’indagine psicologica che entra nell’animo di una bambina derubata degli affetti e che, adulta, cerca di suturare ferite ancora sanguinanti. Il suo rapporto di madre con il piccolo Simon finisce con il tradursi nel bisogno di proteggere anche i suoi piccoli compagni di un passato che riemerge con il sottile brivido di porte che si chiudono all’improvviso.
Grazie alla sua prestazione il film si può permettere anche la sequenza in cui una Geraldine Chaplin (sempre più inquietante nella sua espressiva magrezza) si aggira come medium nelle stanze dell’ex orfanotrofio. Potrebbe sembrare ridondante e davvero deja vu ma lo sguardo di una madre che cerca il proprio figlio scomparso la sposta dal piano dell’horror di genere a un livello decisamente più elevato.

altri film

tappe

film

registi

partner