El patio de mi cárcel

Il patio del mio carcere

REGIA
Belén Macías

CON
Candela Peña, Verónica Echegui, Ana Wagener, Violeta Pérez, Blanca Portillo

ANNO
2008

NAZIONALITÀ
Spagna

DURATA
99 min.

Condividi su...

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

El patio de mi cárcel

Il patio del mio carcere

Il film è una storia di donne. Donne in carcere, escluse, come Isa, dentro per furto, impulsiva e generosa, incapace di adattarsi alla vita fuori dal carcere. Le ragazze del “patio”, grazie anche alla direttrice (Blanca Portillo, protagonista in Volver e Los abrazos rotos di Almodóvar), formeranno il gruppo di teatro Módulo 4, che darà loro un motivo per sognare e continuare.

La Nueva Ola //

Belén Macías ha limitato lo spazio scenico fino al ridurlo al patio di un carcere. Dopo due cortometraggi di successo internazionale, Mala Espina e El Puzzle, quest’ultimo nominato al Premio Goya, la regista presenta il suo primo lungometraggio al Festival di San Sebastián nella sezione ufficiale.

El patio de mi carcel era uno dei titoli più attesi. Una storia di donne: donne escluse, donne recluse. Una rapinatrice, Isa; una zingara uxoricida, Dolores; una prostituta innamorata, Rosa; una donna capace di tutto per amore, Ajo; una colombiana innocentemente colpevole, Luisa. Ed è la storia anche di Mar, una funzionaria carceraria decisa a cambiare le regole con spirito da Antigone. El patio de mi carcel ricalca la storia vera del gruppo di teatro “Modulo 4”, composto interamente da recluse, che provocò una modifica radicale della legislazione penitenziaria spagnola negli anni Novanta.

Belén Macías ha dimostrato a San Sebastián di essere una regista matura e coraggiosa. Circondata da un cast d’eccezione, capeggiato da Veronica Echegui e Candela Peña, la regista madrileña ha dipinto un quadro umano devastante, claustrofobico. Produttori e attori di prestigio mondiale hanno abbandonato il glamour della red carpet per assistere alla prima proiezione del film nel teatro Principe, riservata ai giornalisti. Il silenzio interrotto solo da brevi singhiozzi alla fine del film è stato di una eloquenza brutale. Questo film è arrivato diretto al petto come un dardo incandescente per esplodere nel cuore.

Prodotto da Augustín Almodóvar per El Deseo e distribuito a livello internazionale da Pathè International, El patio de mi carcel si candida senza mezzi termini alla Concha de Oro.

(Cineuropa)

altri film

tappe

film

registi

partner