Perfectos desconocidos

Perfetti Sconosciuti

REGIA
Álex de la Iglesia

CON
Belén Rueda, Eduard Fernández, Ernesto Alterio, Pepón Nieto, Juana Acosta, Dafne Fernández

ANNO
2017

NAZIONALITÀ
Spagna

DURATA
96 min.

PREMI:

  • Fénix Film Awards: exhibitors award
  • Fotogramas de Plata for best movie actress

Condividi su...

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Perfectos desconocidos

Perfetti Sconosciuti

Non c’era forse regista più adatto di Álex de la Iglesia per affrontare il remake di una commedia tanto succulenta e riuscita come quella di Paolo Genovese, e il maestro basco non manca il colpo. Nel brillante cast spagnolo: Eduard Fernández e Belén Rueda (già assieme in La notte che mia madre ammazzò mio padre), Eduardo Noriega-Dafne Fernández, Ernesto Alterio-Juana Acosta, e Pepón Nieto nei panni dell’insegnante disoccupato: la sua fidanzata è malata e per questo non è potuta venire alla cena… o è solo una scusa? Todos tenemos una vida secreta.

La Nueva Ola //

Domanda retorica: sapete qual è il film drammatico italiano di maggior successo della storia? Ebbene sì, coi suoi oltre 17 milioni di euro Perfetti sconosciuti è entrato nel nostro personalissimo Guinness dei Primati, Paolo Genovese ha toccato le stelle e raggiunto l’olimpo insieme a Checco Zalone, cinepanettoni e Leonardo Pieraccioni.

La regola del mercato (non sbaglia mai) vuole qualsiasi cosa raggiunga un certo risultato economico sia imitata. Perfetti sconosciuti a distanza di qualche settimana dal suo inatteso exploit al botteghino fu acquistato per una marea di remake in giro per il mondo. Gli USA ci stanno lavorando, la Sud Corea è in pre-produzione.

Stando alla pagina wikipedia in Grecia è già uscito il primo remake e in Turchia la buona Serra Yilmaz, attrice feticcio di Ferzan Ozpetek, ha debuttato alla regia proprio quest’anno col testo di Genovese mentre in Argentina il mitico Guillermo Francella ne guida la versione teatrale.

Che dire invece della Spagna?

In un’intervista Álex de la Iglesia mi ha sorpreso: il suo Perfectos desconocidos uscito il primo dicembre del 2017 a quanto pare non va annoverato in toto tra i remake del film di Paolo Genovese. Ne è un secondo adattamento e per una semplice ragione.

Il regno della Medusa

Saprete tutti il braccio di Silvio si estende oltre il confine italiano e possiede in Spagna un canale televisivo che in quelle terre mi fu descritto come una sequela di donne in abiti succinti esposte come soprammobili in vari orari.

Vi ricorderà qualcosa questa Telecinco, proprietà dell’impero mediatico di Berlusconi e collegato alla Medusa Film che ormai qualche anno fa opzionò un soggetto e una sceneggiatura e la inviò a due diversi autori.

Paolo Genovese fu il più svelto dei due ma prima di esordire nelle sale italiane e farsi notare nei sette mari, De la Iglesia aveva già letto lo script in attesa di poterlo girare. Sarebbe ipocrita a questo punto immaginare l’amato Álex non abbia mai guardato il capostipite, tuttavia Perfectos Desconocidos si presenta come suo al 100%.

La comunidad di sconosciuti

Così come Genovese in Italia con le sue storielle realistiche strozzate da un momento di irrealtà era l’uomo giusto per dirigere Perfetti sconosciuti – possiamo dire altrimenti visti gli incassi? – il caro De la Iglesia di cui su CineFatti siamo fan è l’ideale regista per Perfectos Desconocidos col suo curriculum fatto di comunità marce e fasulle.

Protagoniste tre coppie e un solitario: il duo giovanile e appassionato (Eduardo Noriega e Dafne Fernández) contrapposto ai freddi coniugi con problemi familiari (Ernesto Alterio e Juana Acosta), sotto gli occhi degli ospiti affogati nell’ incomunicabilità (Bélen Rueda e Eduard Fernández) e il non accompagnato (Pepón Nieto).

Il gioco lo conoscono pure nella tundra siberiana, per una sciagurata idea della new entry Blanca (Fernández) il gruppo accetta di condividere davanti ai commensali qualsiasi messaggio o telefonata ricevuta col proprio smartphone. Perché? Per paura di rifiutarsi e dunque ammettere di avere qualcosa da nascondere al partner.

Un dramma?

Genovese fece una scelta evidente, Perfetti sconosciuti per lui era un dramma dell’ipocrisia borghese – nel cinema italiano sono sempre tutti borghesi – di stampo anche un filino tecnofobico. A parer del sottoscritto il risultato fu un eccesso di cinismo con un finale spuntato fuori dal nulla senza un minimo di background.

Álex de la Iglesia sfrutta invece al massimo due elementi portanti della sceneggiatura: trasforma gli eccessi in farsa e a partire dalla colonna sonora di Víctor Reyes dà al suo film lo schema di una commedia nera. Stimola una escalation bizzarra sullo sfondo di un elemento fantastico a malapena accennato in Perfetti sconosciuti.

L’eclissi di sangue

La ragione dell’invito a cena è la bella terrazza degli ospiti da cui osservare un raro evento astronomico, una eclisse che darà alla Luna una particolare tonalità di rosso. Una circostanza considerata un cattivo presagio in antichità e in Perfectos Desconocidos infiltratasi nelle scene chiave per mostrare un cambiamento nelle persone.

Aumenta l’aggressività e si moltiplicano le fughe dalla norma tra le strade, mentre i Perfectos Desconocidos si preparano alla loro notte di rivelazioni sconvolgenti. Le stesse identiche già vissute in Perfetti sconosciuti ma rese sempre con quella nota musicale a sfottò e la macchina da presa curiosa a seguire occhi e stranezze del gruppo.

altri film

tappe

film

registi

partner